DERMATOLOGIA

Nel nostro ambulatorio effettuiamo visite dermatologiche utilizzando le tecniche e le tecnologie più avanzate per la diagnosi e il monitoraggio di ogni patologia della pelle.

COME SI SVOLGE LA PRIMA VISITA DERMATOLOGICA
PRESSO LO STUDIO RINALDI?

Nel nostro ambulatorio effettuiamo visite dermatologiche utilizzando le tecniche e le tecnologie più avanzate per la diagnosi e il monitoraggio di ogni patologia della pelle: MICROSCOPIA CONFOCALE E VALUTAZIONE ISTOLOGICA, VIDEODERMATOSCOPIA IN EPILUMINESCENZA, ECOGRAFIA CUTANEA e FOTODINAMICA DIAGNOSTICA.

La visita dermatologica presso lo Studio Rinaldi, inizia con un’attenta e precisa anamnesi del paziente.  Lo specialista, raccoglie quindi tutte le informazioni riguardanti la storia e lo stile di vita del paziente (alimentazione, vizio del fumo, consumo di alcol, livello di attività fisica e di sedentarietà, eventuali patologie a carico, altri casi in famiglia di patologie dermatologiche, eventuale assunzione di farmaci) e la patologia (comparsa e durata della manifestazione, caratteristiche dei sintomi).

In seguito si passa all’ispezione di tutte le parti del corpo interessate dalla patologia o potenzialmente collegate ad essa. Il Dermatologo si può avvalere nella visita di una serie di strumenti specifici per eseguire esami più approfonditi.

La visita dermatologica dura mediamente 30-40 minuti.

Il paziente è invitato a portare con sé eventuali esami effettuati su richiesta del proprio medico curante e altri esami inerenti precedentemente effettuati; eventuali esami del sangue recenti, anche se eseguiti per altri motivi; una nota del nome degli eventuali farmaci assunti quotidianamente.

STRUMENTI DIAGNOSTICI 

icona al microscopio thin line

MICROSCOPIA CONFOCALE
VALUTAZIONE ISTOLOGICA

icona al microscopio thin line

VIDEODERMATOSCOPIA
IN EPILUMINESCENZA

icona al microscopio thin line

ECOGRAFIA CUTANEA

icona al microscopio thin line

FOTODINAMICA DIAGNOSTICA

La MICROSCOPIA CONFOCALE permette di valutare lo stato di salute cutanea eseguendo un esame non invasivo della pelle, cioè senza

L’impiego della VIDEODERMATOSCOPIA IN EPILUMINESCENZA consente di ingrandire e “fotografare” determinate sezioni cutanee,

L’ECOGRAFIA CUTANEA viene utilizzata per valutare e definire con esattezza le dimensioni, la profondità, la crescita

L’utilizzo della FOTODINAMICA DIAGNOSTICA consente di verificare l’insorgenza di patologie cutanee attraverso l’applicazione sulla pelle

l’asportazione di tessuti cutanei che è invece necessaria nella VALUTAZIONE ISTOLOGICA. Grazie alla microscopia confocale è possibile ottenere in modo immediato immagini cellulari della zona di cute esaminata, oppure dei fusti di capelli in essa contenuti. È una tecnica di fondamentale importanza nella valutazione e nel monitoraggio dei nei, perché evidenzia con precisione le caratteristiche di rischio, permettendo una diagnosi precoce di eventuali tumori della pelle.

le quali vengono poi archiviate creando uno storico che permette di seguire nel tempo l’evoluzione di una patologia o lesione della pelle. È una tecnica impiegata per la valutazione e il monitoraggio di nei e tumori.

e l’eventuale recidiva di tumori della pelle.

di un principio attivo che funge da contrasto, il quale viene poi irradiato con luce LED a diverse lunghezze d’onda o UVB a banda stretta (311 nm).
Il procedimento è esattamente quello della terapia fotodinamica, con l’unica differenza che a fini diagnostici viene applicata sulla cute una minor quantità di principio attivo.

icona al microscopio thin line

MICROSCOPIA CONFOCALE
VALUTAZIONE ISTOLOGICA

La MICROSCOPIA CONFOCALE permette di valutare lo stato di salute cutanea eseguendo un esame non invasivo della pelle, cioè senza

l’asportazione di tessuti cutanei che è invece necessaria nella VALUTAZIONE ISTOLOGICA. Grazie alla microscopia confocale è possibile ottenere in modo immediato immagini cellulari della zona di cute esaminata, oppure dei fusti di capelli in essa contenuti. È una tecnica di fondamentale importanza nella valutazione e nel monitoraggio dei nei, perché evidenzia con precisione le caratteristiche di rischio, permettendo una diagnosi precoce di eventuali tumori della pelle.

icona al microscopio thin line

VIDEODERMATOSCOPIA
IN EPILUMINESCENZA

L’impiego della VIDEODERMATOSCOPIA IN EPILUMINESCENZA consente di ingrandire e “fotografare” determinate sezioni cutanee,

le quali vengono poi archiviate creando uno storico che permette di seguire nel tempo l’evoluzione di una patologia o lesione della pelle. È una tecnica impiegata per la valutazione e il monitoraggio di nei e tumori.

icona al microscopio thin line

ECOGRAFIA CUTANEA

L’ECOGRAFIA CUTANEA viene utilizzata per valutare e definire con esattezza le dimensioni, la profondità, la crescita

e l’eventuale recidiva di tumori della pelle.

icona al microscopio thin line

FOTODINAMICA DIAGNOSTICA

L’utilizzo della FOTODINAMICA DIAGNOSTICA consente di verificare l’insorgenza di patologie cutanee attraverso l’applicazione sulla pelle

di un principio attivo che funge da contrasto, il quale viene poi irradiato con luce LED a diverse lunghezze d’onda o UVB a banda stretta (311 nm).
Il procedimento è esattamente quello della terapia fotodinamica, con l’unica differenza che a fini diagnostici viene applicata sulla cute una minor quantità di principio attivo.

SCOPRI IL PRP PLUS NEL TRATTAMENTO DELL’AGING CUTANEO