Le piogge portano il fresco, ma gli sbalzi termici sono in agguato!

In questi giorni il caldo infernale delle settimane passate sembra essersi un poco affievolito. Ma non certo dappertutto. Al Sud, infatti, le alte temperature la fanno ancora da protagoniste, mentre al Nord il loro (momentaneo) abbassamento si è percepito, uno sbalzo termico che in certe zone ha addirittura raggiunto i dieci gradi e più, dovuto all’arrivo di nuvole cariche di pioggia. In casi come questo, di repentini mutamenti termici e meteorologici, pelle e capelli sono purtroppo maggiormente soggetti ad irritazioni.

Questo succede perché gli sbalzi termici provocano un accumulo di calore nella pelle poi attenuato dall’umidità e dall’abbassamento della temperatura dovuto all’arrivo della pioggia, comportando un’alterazione dei vasi sanguigni che può causare eritemi, orticarie e luciti; problematiche che se sottovalutate, anno dopo anno possono anche diventare croniche, trasformandosi, nella peggiore delle ipotesi, in tumori della pelle. Quanto al cuoio capelluto, è importante proteggere i capelli non solo a livello dei fusti, ma anche dei bulbi, che se danneggiati possono comportare la loro caduta. Sia per la pelle che per cuoio capelluto e capelli è quindi necessario premunirsi con adeguate protezioni in grado di minimizzare gli sbalzi di esposizione ai raggi solari.

Attenzione particolare va poi prestata per i bambini fino ai 12 anni. Perché è fuor di dubbio che il sole giovi loro per la sintesi di vitamina D che aiuta la formazione delle ossa, ma è altrettanto vero che l’esposizione al sole debba avvenire solo nelle ore più fresche e solo usando prodotti ad alto grado di protezione, facendo sempre indossare la maglietta ai più piccini, anche durante i bagni in mare. Inoltre, per aumentare la protezione dagli effetti negativi del sole, è molto importante l’assunzione di cibi specifici, e dunque è bene far mangiare ai bambini molta frutta, soprattutto quella rossa, ricca di antiossidanti, ma anche una buona quantità di pesce, contenente acidi polinsaturi.

Come i bambini, anche gli anziani devono fare particolare attenzione. Perché in età avanzata la pelle si fa pian piano sempre più sottile e atrofica, i capillari si dilatano e il corpo va incontro a problemi di circolazione venosa. Perciò, anche per gli anziani è necessario usare protezioni adeguate e alimentarsi in modo corretto, bevendo molta acqua e assumendo una buona dose di proteine utili per ristrutturare la pelle. Le persone anziane, inoltre, sono particolarmente soggette alla comparsa di macchie cutanee e altri “segni” della pelle che, una volta sorti, poi difficilmente si potranno eliminare.

Recent Posts
Protezione solare della notte